Lug
22

AGEVOLAZIONI FISCALI: I FABBRICATI RURALI

fabbruraliPer continuare a ricevere le agevolazioni fiscali è necessario, entro fine settembre, comunicare al Catasto l'eventuale proprietà degli immobili rurali.
Dopo che alla fine del mese di maggio si è conclusa la sanatoria delle case fantasma, ecco il nuovo adempimento obbligatorio per i proprietari di strutture che beneficiano delle riduzioni tributarie a fronte di una destinazione d’uso agricola.
Per completare la procedura debbono essere soddisfatti i requisiti della cosiddetta “ruralità” per i fabbricati descritti all’articolo 9 del decreto legge 557/1993. Inoltre è richiesta la documentazione attestante la professione di agricoltori da almeno cinque anni.


Queste richieste derivano dalla sentenza della Corte di Cassazione (sezioni unite, 18565/2009) che ha deciso l’esclusione dall’imposta comunale Ici per gli immobili rurali, ma solo nei casi in cui le strutture rientrano nelle categorie catastali A/6 (uso abitativo) oppure D/10 (immobile strumentale).
L’accatastamento forzato quindi eviterà che i Comuni diano avvio alla procedura per recuperare le imposte non versate.
L'Agenzia delle Entrate ha tempo fino al prossimo 20 novembre per accettare o meno ogni singola richiesta; in caso di rifiuto, questo dovrà essere motivato e comporterà il pagamento delle imposte non versate più interessi e doppie sanzioni.
Presso i nostri uffici tutta la documentazione relativa all'adempimento di queste procedure e relativa assistenza.